Visita Cosio di Arroscia

Piazza 4 novembre, la piazza centrale del paese, sulla quale si affaccia la casa della meridiana; nei pressi della piazzetta si può osservare uno splendido portone di ardesia di Cenova, risalente al XV secolo.

Chiesa parrocchiale di Santi Pietro e Paolo. La chiesa fu costruita nella prima meta del XVII secolo in forme tardo rinascimentali. Dalle canoniche si può avere una panoramica del paese e delle Alpi Liguri; nelle giornate più terse si può scorgere il mare.

Chiesa di San Pietro del Fossato, in località Navilla, risalente al X secolo. Di questa ci resta oggi solo l’abside.

Oratorio dell’Assunta, con annesso campanile romanico (già torre difensiva romana) con bifore in mattoni, risalente al XIV secolo.

Chiesa di San Sebastiano, risalente al XIX secolo. La chiesa è situata nel mezzo dell’omonima piazza.

Cappelletta di San Rocco.

Cappelletta della Madonna dei Cancelli, in località Cancelli e la cappelletta di Dova, in località Creste de Dova, raggiungibile dalla località di Isole con una mulattiera.

La Grotta Cornarea che si trova sul fianco settentrionale del monte detto dei Cancelli, a 1038 metri sul livello del mare, secondo studi effettuati sul territorio, già nel 1000 a.C. era frequentata dai pastori in occasione della transumanza. Parte del territorio comunale è entrato a far parte, nell’ottobre 2007, del parco naturale regionale delle Alpi liguri; le Navette, una splendida località caratterizzata da un bosco di conifere che racchiude al suo interno una vasta biodiversità di piante e di animali, fanno parte del Parco. Tra i luoghi di maggior interesse naturalistico del comune, esteso oltre 40 chilometri quadrati, c’è la valle del Tanarello con i suoi estesissimi boschi e l’alpe di Cosio.

Il Museo delle Erbe, dedicato alle erbe alpine e non solo, presenti sul territorio comunale. Il museo spazia dalla lavanda, tipica coltivazione floreale di questa zona, alla stella alpina. Il museo è sito nelle sale dell’ex-comune del paese, nei pressi dell’Oratorio dell’Assunta.

La principale risorsa economica del comune è l’attività agricola specie nella coltivazione della vite con la produzione di varie tipologie di vini come l’Ormeasco, dell’ulivo dalle quali olive si ricava un olio extravergine ottimo e sulla produzione di miele di particolare rilievo è anche la produzione casearia con formaggi tipici come la toma